Image Hosted by ImageShack.us

giovedì, gennaio 24, 2008

Lussuria

Anche in questo caso si ripresenta la stessa questione di American Gangster, visto la sera prima di Lussuria. Nel momento in cui vado al cinema a vedere un film che è stato premiato con il Leone d'oro a Venezia, mi creo delle aspettative abbastanza elevate. Tra l'altro, visto che comunque verrò malgiudicato per questo post, preciso subito che a me Ang Lee piace, in alcuni casi anche parecchio. Stavolta però non ce l'ha fatta.
Durante l'occupazione della Cina da parte del Giappone, Wong Chia Chi (Wei Tang) si lascia trascinare nelle file della resistenza dagli amici della compagnia tetrale. Finge quindi di essere la signora Mak per colpire il signor Yee (Tony Leung), uomo ai vertici del governo collaborazionista. Per conquistare la fiducia del suo obiettivo la giovane attrice sfrutta l'irresistibile attrazione che il signor Yee prova per lei, finendo però irrimediabilmente coinvolta nelle conseguenze delle sue azioni.
Dramma con sfumature erotiche e storico-politiche, in realtà Lussuria non rispetta in pieno nessuna delle suddette premesse. Come film drammatico manca della passione necessaria tanto che perfino le scene di sesso, per quanto esplicite (o forse proprio per questo), sembrano girate solo per il gusto di farlo. Il contesto storico poi è perfettamente tralasciabile, senza nessun tipo di approfondimento che non siano due cadaveri buttati in terra. Il mahjong sarà anche un bel gioco, ma dopo dieci scene di signore che passano il tempo a giocare, comincia anche a stufare. C'è da dire comunque che Ang Lee il suo mestiere lo sa fare, per quanto in passato lo abbia fatto molto, molto meglio, ed è per questo che in fondo Lussuria rimane un film riuscito a metà, che per la precisione è la metà della recitazione di Tony Leung. Per il resto poco altro e diluito in troppo tempo, con il rischio quindi di annoiare lo spettatore, che pochi giorni dopo si dimenticherà ciò che ha visto.

Voto: 6 / 10

3 commenti:

Ohdaesu ha detto...

Premesso che apprezzo molto quanto hai scritto sulle capacità attoriali di Tony, la domanda è un'altra: come si fa a mandarti una mail o un messaggio privato?

jecke ha detto...

Ti ho mandato io una mail.
In effetti mi dimentico sempre di aggiungere l'indirizzo mail nella pagina, ma non sono un fan del social networking come altri! :)

chimy ha detto...

Ciao, abbiamo iniziato una protesta contro la distribuzione. Se ti va fai un salto da noi...

Un saluto